venerdì 22 maggio 2009

Un nuovo domani

"E quel sogno che portiamo in noi, che qualcosa di miracoloso avvenga, che debba avvenire, che il tempo si apra, che il cuore si apra, che le porte si aprano, che la roccia si apra, che le sorgenti scaturiscano, che il sogno si apra, che un mattino penetriamo, in una baia di cui nulla sapevamo. ( Olav H. Hauge)

Un sogno. Una certezza. Quella di un nuovo orrizzonte, dietro gli scogli. Di una baia, protetta, silenziosa, che aspetta solo noi.

2 commenti:

maviserra ha detto...

C'è! =)

Anonimo ha detto...

Come si fa a pensare a domani se oggi fa tanto schifo?
Liviana