domenica 31 ottobre 2010

Halloween











Io amo questa festa. Nonostante ogni anno si senta echeggiare il solito coro: "è una festa consumistica...dobbiamo sempre copiare gli americani..è contro i principi cristiani"..e altre amenità simili.
L'uomo moderno ha paura della morte, tende a rimuoverla..e anche halloween in qualche modo tenta di esorcizzarla, giocando con essa. Halloween è la notte della paura..ma poi diventa un gioco, ci si traveste, i bambini passano di casa in casa..e si scarica l'app su I-phone per imparare a intagliare zucche. Io dico ben venga Halloween perchè aiuta a venir in contatto con l'idea della morte, che non dimentichiamolo come diceva pasolini è la "vera organizzatrice della vita". Halloween che mette in contatto con la parte oscura di noi, che non va rimossa..va tenuta presente.

E ora qualche cenno storico:
Le tradizioni di Halloween si fanno risalire ai tempi delle popolazioni Celtiche nelle isole britanniche. I Celti erano un popolo di pastori e celebravano la fine della stagione dei raccolti (passaggio dall'estate all'inverno) : il 31 ottobre per loro era la fine dell'anno e di conseguenza il primo di novembre l'inizio di un nuovo anno. In questa notte si svolgevano grandi festeggiamenti e si salutava l'arrivo dell'inverno.
I Celti pensavano che
nella notte del 31 ottobre gli spiriti di coloro che erano morti durante l'anno si mettessero in cerca di un copro da possedere per l'anno successivo. I vivi del momento non volevano però essere posseduti da questi spiriti quindi cercavano di trasformare le loro abitazioni in luoghi poco accoglienti e trasformavano i loro corpi con dei travestimenti terrificanti in modo da far scappare gli spiriti che volevano possederli.
La festa di Halloween venne portata negli USA intorno al 1840 dagli emigranti irlandesi che fuggivano dalla carestia di patate che aveva colpito la loro patria. Da allora Halloween è rimasta ancorata nella cultura americana ed è una delle più famose feste del paese. 

3 commenti:

Chiara ha detto...

A me Halloween non piace tantissimo.
Da piccola mia madre mi raccontava sempre la storia di Jack o Lantern e io mia sorella ci mettevamo a fare dei fantasmini di stoffa che poi attaccavamo in giro per casa...

Igor ha detto...

a me piace halloween perchè forse quando ero piccolo era tutto cosi tremendamente "serioso"..non sono matusalemme ma circa 30 anni fa il mondo era diverso da oggi..ricordo che quei giorni del ponte di ognissanti erano esclusivamente dedicati ai morti, erano giorni molto "cupi" in cui era importante "ricordare"..tra l'altro abitavo vicino a un cimitero :D
halloween era una parola quasi sconosciuta, che incontravo nei libri d'inglese a scuola..oppure quando vedevo un film americano e i bimbi col classico "dolcetto o scherzetto", chiedendomi se fossero degli alieni :D
oggi invece si è completamente perso il significato della commemorazione defunti..tutto è occasione per fare festa ;) non so se è meglio oggi o prima..

Alba* ha detto...

Finalmente trovo qualcuno a cui piace questa festa! Non capisco perché sono tutti contro, mah! Grazie per essere passato. Io invece sono nata a metà maggio e questo autunno è molto deprimente, già inizio a stare con l'influenza, raffreddore ecc.. meglio la primavera! Bel blog, a presto. :)